Cesmi - Italia - Centro Studi Medicina Integrata - Palermo - Lucca

La medicina moderna è migliore della medicina tradizionale?

Se analizziamo le statistiche e non le reali prove, allora è ovvio che la medicina moderna sia nettamente superiore alla medicina tradizionale, spesso considerata arcaica. Sebbene la medicina tradizionale fosse meno invasiva perché incentrata su erbe e piante, le persone continuavano a morire di malattie semplici e curabili al 100% come il raffreddore o la varicella. Va fatto notare quindi, che alcuni rimedi tradizionali funzionano bene, ma che la medicina moderna li porta ad un nuovo livello, li espande e li rende più efficaci.

Se diamo uno sguardo alla storia recente, è evidente che i progressi della tecnologia medica stanno salvando vite umane e allungando la vita. Dagli anni ’70, il tasso di mortalità legato alle malattie cardiovascolari è sceso del 58% circa e quello dei decessi è diminuito del 69%. Il tasso di mortalità relativo al cancro, è diminuito del 20% dagli anni ’90. Inoltre, la vita media dei cittadini statunitensi è aumentata dai 68 anni degli anni ’60 ai quasi 80 anni del 2007. Anche malattie non fatali come la disfunzione erettile, oggi sono facilmente diagnosticabili e curabili, basta prendere un farmaco moderno chiamato Viagra e sei a posto.

È importante sottolineare che la medicina tradizionale va bene se utilizzata come trattamento “supplementare”, ma alcune persone insistono nel sostituire la medicina moderna con i rimedi tradizionali e questo è semplicemente pericoloso. Rifiutare la medicina moderna perché considerata “pericolosa” o “dannosa”, si avvicina troppo al pericoloso movimento anti-vaccino. Queste persone, sostenitrici della medicina tradizionale, credono che i vaccini causino l’autismo e si rifiutino di vaccinare i loro bambini. Finiscono per aver ragione per il motivo sbagliato, perché è possibile diagnosticare l’autismo ai bambini vaccinati, solo in quanto nel 90% dei casi supera i primi 5 anni di vita.

Quella piccola tangente ti offre una buona idea in merito a cosa possa essere il supporto della medicina “tradizionale”. Agopuntura, Reiki, tutti i trattamenti “alternativi” new-age: tutte pseudoscienze innocue, ma pericolosamente inefficaci.